Quando Richiedere Insegnante Di Sostegno?

Per richiedere l’insegnante di sostegno servono, prima di tutto, i requisiti necessari (l’elenco completo è disponibile al punto 3 della legge) e la certificazione di un neuropsichiatra infantile o di uno psicologo. In genere, la richiesta dell’insegnante di sostegno parte dai genitori dello studente con disabilità.
Possono beneficiare dell’insegnante di sostegno gli alunni con disabilità riconosciuti dalle Commissioni Mediche della ASL in «stato di handicap» o «stato di handicap in situazione di gravità» (ai sensi della Legge n. 104/1992).

Quando si richiede insegnante di sostegno?

Il sostegno a scuola per i bambini con DSA, viene assegnato esclusivamente nei caso di comorbilità (compresenza) di DSA con altri disturbi e di un quadro funzionale particolarmente grave che ha comportato una certificazione ai sensi della Legge n. 104/1992.

Quando un bambino ha bisogno di sostegno?

bambini con disabilità; bambini con Funzionamento Intellettivo Limite; bambini con disturbi evolutivi specifici (DSA, ADHD, deficit del linguaggio, delle aree non verbali, della coordinazione motoria, Autismo); bambini con svantaggio linguistico, culturale e socio-economico.

Come fare per avere l’insegnante di sostegno?

Per ottenere il sostegno è necessario essere in possesso della certificazione L. 104/92 e del CIS (Certificato per l’integrazione scolastica). Entrambi vanno consegnati in segreteria e devono essere protocollati. con la richiesta di visita medica presso la Commissione Asl – INPS.

You might be interested:  Come Diventare Insegnante Di Lingua Inglese?

Chi può avere deroghe per il sostegno?

docenti non specializzati, ma che abbiano maturato tre anni di servizio su posto di sostegno nel relativo grado entro l’a. s. 2019/2020, inseriti nella II fascia GPS; docenti delle graduatorie di istituto, quando il posto in deroga è assegnato alla scuola inserita dal docente nell’elenco delle 20 scuole.

Come richiedere insegnante di sostegno 2021?

L’insegnante di sostegno è previsto nella scuola pubblica di ogni grado. La prima tappa per poterne fare richiesta consiste nel rivolgersi al Servizio di Neuropsichiatria infantile della vostra ASL di residenza.

Chi ha diritto ad un insegnante di sostegno?

Chi ha diritto all’insegnante di sostegno

È persona handicappata colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione.

Chi ha il sostegno ha la 104?

Secondo la normativa italiana hanno diritto ad avere l’insegnante di sostegno gli alunni in “stato di handicap” o “stato di handicap in situazione di gravità” che presentano i requisiti previsti dalla Legge 104/1992.

Cosa non deve fare l’insegnante di sostegno?

Sono esclusi quindi dal sostegno i ragazzi con DSA, che però possono usufruire di programmi di potenziamento, tecnologie assistive e misure dispensative, come verifiche personalizzate o l’autorizzazione ad evitare prestazioni particolarmente problematiche per l’alunno.

Cosa si intende per posti in deroga?

Una deroga (o, più raramente, di derogazione), in diritto, indica una situazione in base alla quale una norma giuridica non trova applicazione oppure viene disapplicata in luogo di altra norma, nelle ipotesi stabilite dalla legge.

You might be interested:  Come Fare Un Tema Scuola Media?

Cosa significa assunzione in deroga?

Posti di sostegno in deroga: no contratto a tempo indeterminato, supplenza al 30 giugno. Sui posti di sostegno in deroga – proprio per la loro natura aggiuntiva – non è possibile stipulare contratti a tempo indeterminato. I posti saranno coperti, come purtroppo da numerosi anni ormai, con supplenze al 30 giugno.

Cosa vuol dire ore di sostegno in deroga?

Sono cattedre o spezzoni orari concessi a completamento dell’organico di diritto,nell’adeguamento dell’oragnico di diritto in situazione di fatto, qualora, di fatto, la situazione superi le previsini. Possono anche essere messi a disposizione fino dalla prima convocazione.